Consulenza requisiti
strutture socio-sanitarie
ai sensi della L.R. 4/2003 del Lazio


Consulenza per la redazione del
documento di valutazione
dei rischi per nuove aziende


Revisione dei documenti
di valutazione dei rischi ai sensi
del D.Lgs. 81/08


Formazione dei lavoratori
presso le aziende


Misure dirette per la valutazione
del rischio rumore e vibrazioni
e redazione della relazione finale


Valutazione del rischio da radiazioni
ionizzanti da parte di
Esperti Qualificati abilitati


Consulenza in materia
di protezione della privacy


Certificazioni energetiche


Consulenza requisiti
strutture socio-sanitarie
ai sensi della L.R. 4/2003 del Lazio


 
 3 visitatori online
Registrati a sicurezzaenergia.com per restare sempre aggiornato



Polveri e fibre

Sostanze Chimiche

Atmosfere esplosive

INTRODUZIONE

L'articolo 288 del D.Lgs 81/08, modificato dal D.Lgs 106/09, definisce un'atmosfera esplosiva "...una miscela con l’aria, a condizioni atmosferiche, di sostanze infiammabili allo stato di gas, vapori, nebbie o polveri  in cui, dopo accensione, la combustione si propaga nell’insieme della miscela incombusta." Affinché un esplosione avvenga devono essere presente tre elementi: il comburente (l'ossigeno presente nell'aria), un combustibile (gas, vapore o polvere) ed una sorgente di innesco (scintille di origine meccanica, fiamme libere o punti incandescenti, cariche elettrostatiche, radiazioni ionizzanti, apparecchiature elettriche, ecc.). Rispetto ai vapori ed ai gas, il pericolo di esplosione dovuto alle polveri viene spesso sottovalutato pur essendo quello spesso più devastante. Molti prodotti, apparentemente innocui (come farina, zucchero, plastiche, legno, pesticidi, metalli), una volta dispersi in aria come polveri possono determinare esplosioni tanto più violente quanto più piccole sono le particelle di polvere.


INCIDENZA

E’ difficile avere una stima riguardante le esplosioni in quanto sono noti solo gli incidenti riportati dalle autorità preposte, cioè quelli che hanno portato a infortuni o seri danni agli impianti e alle strutture. Un report dell’NFPA (National Fire Protection Association) sulle esplosioni occorse negli Stati Uniti indica che tra il 1900 e il 1956, 1.120 eventi hanno causato almeno 640 morti e più di 1700 infortuni; tra il 1958 e il 1977, 220 eventi si sono manifestati nelle industrie di grano causando 48 morti e 500 infortuni. Le più frequenti esplosioni dovute a polveri in sospensione aerea, si sono verificate nei silos per l’immagazzinamento dei prodotti agrolimentari: nel quinquennio 1977 – 1982 in tutto il mondo si sono avuti 24 casi con 97 morti e 234 feriti.
Da statistiche riportate in U.S.A., Germania e Inghilterra, ogni giorno nel mondo si registra un’esplosione nelle industrie che utilizzano nel proprio processo produttivo materiale solido finemente disperso. Sono più di 2000 le esplosioni di polvere o di miscele gas/aria che accadono ogni anno in Europa, durante lo stoccaggio, il trasporto e la manipolazione di sostanze infiammabili o combustibili.
In Germania la ripartizione dei settori nei quali accadono le esplosioni la seguente:

 

Dalla banca dati dei Vigili del Fuoco risulta che nel triennio 2000 – 2002, in Italia ci sono stati 635 interventi per incidenti con GPL; tra questi, in 232 casi si è avuta un’esplosione della miscela infiammabile.

 

TIPOLOGIE LAVORATIVE A RISCHIO
 
La possibilità di generare atmosfere esplosive riguarda moltissime tipologie lavorative, industriali e non. Una valutazione del rischio ATEX (Atmosfere esplosive) deve essere fatta nelle industrie del legno, della plastica, meccaniche, siderurgiche, farmaceutiche, alimentari (polveri di cacao, caffè, farine, lattosio, zucchero, tè, ecc.), minerarie ed estrattive. Anche i luoghi di stoccaggio di ingenti quantità di sostanze infiammabili (depositi, magazzini, pompe di benzina, ecc.) devono valutarne il rischio.
Un'altra tipologia lavorativa non esente dal rischio ATEX è quella legata all'utilizzo di vernici o solventi a spruzzo, come le carrozzerie.
 
 
I PRINCIPI DELLA PREVENZIONE
 
  • Valutare la possibilità di formazione di atmosfere esplosive

  • Prevenire la formazione di atmosfere esplosive e, se l'attività non lo consente, evitarne l'innesco

  • Classificare le aree in cui possono prodursi atmosfere esplosive

  • Utilizzare nelle aree a rischio impianti e strumentazione marchiata "CE ATEX"
  • Segnalare i punti di accesso alle aree a possibile rischio ATEX ed eventualmente dotarli di allarmi di tipo ottico/acustico

  • Ottimizzare la ventilazione naturale o forzata delle aree a rischio ATEX

  • Limitare gli effetti della possibile esplosione mediante misure di protezione costruttive

 

NORMATIVA VIGENTE

La Direttiva Europea 99/92/CE relativa alle "prescrizioni minime per il miglioramento della tutela della sicurezza e la salute dei lavoratori che pssono essere esposti al rischio di atmosfere esplosive" è stata recepita in Italia dal D.Lgs 81/2008, modificato dal D.Lgs 106/09, in particolare dal Titolo IX (Protezione da Atmosfere Esplosive).

Gli Allegati XLIX, L e LI del D.Lgs 81/08 trattano rispettivamente le modalità di classificazione delle aree a rischio formazione di atmosfere esplosive (zone 0,1,2 per i gas e i vapori e zone 20,21,22 per le polveri), le prescrizioni minime per la tutela dei lavoratori esposti a rischio ATEX e la segnaletica di avvertimento per tale rischio.

 

(Fonti: ISPESL, D.Lgs 81 del 9 aprile 2008, D.Lgs 109 del 3 agosto 2009, DE 99/92/CE)